Scadenzario

2018 Ottobre 2019
Oggi
2020
Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab
1
2
3
4
5
6
7
1 Scadenza gara
1 Apertura buste
8
2 Scadenza gara
2 Apertura buste
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
Scadenze Ottobre 2019
07/10/2019 09:00

Scadenza gara: Servizio per la pulizia di strade e piazzali, ritiro e trasporto a smaltimento dei rifiuti nell'ambito del Porto di Brindisi e servizio giornaliero di pulizia degli immobili demaniali e degli uffici della sede di Brindisi dell'AdSP MAM
L’affidamento del servizio riguarda l’esecuzione delle attività, come sinteticamente riportate di seguito:
  • pulizia e spazzamento delle aree comuni degli ambiti demaniali;
  • smaltimento dei rifiuti prodotti dagli uffici e dagli ambiti comuni;
  • sfalcio, diserbo ed estirpazione erba infestante;
  • lavaggio, disinfestazione e derattizzazione aree comuni;
  • pulizia quotidiana degli uffici dell’autorità di sistema portuale.
si precisa che non rientrano tra le attività del presente appalto la raccolta gestione dei rifiuti prodotti dalle navi e dei residui del carico rivenienti dalle operazioni portuali (ex d.lgs. 182/2003) né la pulizia delle banchine dai citati residui di carico. il servizio oggetto della presente procedura dovrà essere svolto all’interno della circoscrizione di competenza dell’adsp mam, negli ambiti dettagliatamente elencati nel capitolato tecnico.
07/10/2019 10:00

Apertura buste: Servizio per la pulizia di strade e piazzali, ritiro e trasporto a smaltimento dei rifiuti nell'ambito del Porto di Brindisi e servizio giornaliero di pulizia degli immobili demaniali e degli uffici della sede di Brindisi dell'AdSP MAM
L’affidamento del servizio riguarda l’esecuzione delle attività, come sinteticamente riportate di seguito:
  • pulizia e spazzamento delle aree comuni degli ambiti demaniali;
  • smaltimento dei rifiuti prodotti dagli uffici e dagli ambiti comuni;
  • sfalcio, diserbo ed estirpazione erba infestante;
  • lavaggio, disinfestazione e derattizzazione aree comuni;
  • pulizia quotidiana degli uffici dell’autorità di sistema portuale.
si precisa che non rientrano tra le attività del presente appalto la raccolta gestione dei rifiuti prodotti dalle navi e dei residui del carico rivenienti dalle operazioni portuali (ex d.lgs. 182/2003) né la pulizia delle banchine dai citati residui di carico. il servizio oggetto della presente procedura dovrà essere svolto all’interno della circoscrizione di competenza dell’adsp mam, negli ambiti dettagliatamente elencati nel capitolato tecnico.
08/10/2019 10:00

Scadenza gara: Concessione del "Servizio di raccolta e gestione dei rifiuti prodotti dalle navi nel Porto di Brindisi per un periodo di 18 (diciotto) mesi".
Il servizio ha per oggetto la raccolta (anche a mezzo unità navali) e trasporto allo smaltimento/recupero per il periodo di mesi solari 18 (diciotto), con possibilità di estensione per ulteriori mesi 6 (sei), decorrente dalla data di aggiudicazione definitiva e di consegna del servizio, dei rifiuti prodotti dalle navi e dei residui del carico provenienti da bordo delle navi in sosta nell'area portuale di brindisi, alla fonda o in banchina, nonché in favore delle navi in rada, di cui al piano di raccolta e gestione dei rifiuti (d'ora in avanti denominato prgr), approvato con deliberazione della giunta della regione puglia n. 751 in data 17 aprile 2015, ferma restando la prevalenza del presente capitolato sul predetto piano in caso di eventuali elementi di discordanza nonché in ordine alla strutturazione tariffaria dello stesso.
in linea generale, il ritiro ed il trasporto dei rifiuti agli appositi impianti di smaltimento/recupero/termodistruzione dovrà avvenire giornalmente e dovrà essere eseguito (il ritiro dalle navi) anche a mezzo natanti, debitamente abilitati, nel rispetto della vigente normativa in materia.
il servizio consiste in particolare nell'organizzazione del servizio e nelle prestazioni come di seguito specificate in via esemplificativa ma non esaustiva:
- raccolta e trasporto allo smaltimento, come rifiuti, tramite termodistruzione (incenerimento o coincenerimento), nell'ambito della regione puglia, dei rifiuti di origine alimentare provenienti da attività di cucina, ristorazione e camera prodotti dalle navi commerciali e passeggeri provenienti da paesi extra-ue. tale tipologia di rifiuti, identificata, ai sensi dell'art. 8 del reg. ce 1069/2009, lett. f), come sottoprodotti di origine animale appartenente alla categoria di rischio 1, dovrà essere conferita alla ditta concessionaria del servizio in appositi imballaggi a perdere, nuovi e chiudibili, oppure in contenitori riutilizzabili di colore nero che devono essere realizzati in maniera tale che non si verifichino, durante il loro normale uso, perdite o colaggi e devono essere riempiti in modo tale che il loro peso e volume non ne impedisca la maneggevolezza. i contenitori e gli imballaggi suddetti — che dovranno essere forniti alle navi e/o ai loro rappresentanti in loco (agenzie marittime raccomandatarie) dal concessionario del servizio - ­dovranno recare la dicitura seguente: "porto di brindisi — rifiuti di cat. 1^- reg. (ce) 1069/2009 (allegato al presente csa) — destinati solo all'eliminazione — chiudere il sacco ermeticamente e maneggiare con cura —". dopo lo scarico presso l'impianto di destinazione, gli imballaggi a perdere devono essere smaltiti a norma di legge, mentre i contenitori riutilizzabili ed i veicoli devono essere sottoposti ad operazioni di lavaggio e disinfezione.
la nave dovrà — in attesa dell'arrivo del mezzo del concessionario del servizio — custodire in appositi spazi di bordo i contenitori in questione debitamente chiusi. ai sensi dell'art. 4 della linee guida per l'applicazione del reg. ce 1069/2009 (allegate al presente csa), qualora i rifiuti in questione non siano asportati quotidianamente dal luogo in cui sono stati prodotti, devono essere immagazzinati mediante l'impiego del freddo; a tal fine, il concessionario del servizio dovrà munirsi di un apposito contenitore frigo di dimensioni idonee e comunque di capacità non inferiore a 5 mc, da collocarsi nell'area portuale che all'uopo sarà indicata dall'ente, che dovrà essere alimentato a mezzo collegamento all'impianto elettrico portuale tramite apposita linea; in ogni caso il trasporto allo smaltimento dei citati rifiuti per la termodistruzione dovrà avvenire almeno una volta a settimana. i contenitori utilizzati per i rifiuti in questione devono essere chiudibili ermeticamente, essere costruiti in materiale lavabile e disinfettabile e devono essere chiaramente identificati mediante l'apposizione di una striscia inamovibile, di colore nero, alta almeno 15 cm e di una larghezza tale da renderla evidente. il partecipante alla procedura di gara dovrà specificare – a mezzo apposita dichiarazione – presso quale l'impianto/i di termodistruzione nell'ambito della regione puglia i rifiuti in questione verranno conferiti. l'automezzo che dovrà essere impiegato per il trasporto dei rifiuti in questione dovrà essere dedicato a tale tipologia di rifiuti, nel senso che, nella regione puglia non è consentito il trasporto, sul medesimo automezzo e contemporaneamente, dei sottoprodotti di origine animale, nei quali rientrano i rifiuti in questione, o prodotti derivati di diversa categoria. il trasporto dei sottoprodotti di origine animale appartenenti a differenti categorie sullo stesso automezzo o contenitore, può avvenire in tempi diversi, se vengono rispettate le condizioni seguenti:
1) i contenitori riutilizzabili e/o gli automezzi siano identificati secondo le modalità di cui all'art. 7 delle linee guida per l'applicazione del reg. ce n. 1069/2009 (allegate al presente csa);
2) siano prodotte procedure scritte riguardo l'effettuazione di opportune operazioni di lavaggio e disinfezione, tra un carico e l'altro.
-   raccolta, anche in maniera differenziata, e trasporto allo smaltimento e/o centri di recupero dei rifiuti prodotti dalle navi, diversi da quelli di cui al punto precedente;
-   raccolta e trasporto allo smaltimento e/o recupero di rifiuti associati al carico quali paglioli, puntellamenti, rivestimenti, materiale da imballaggio, legno compensato, carta, cartone etc., non prodotti dalle navi in senso stretto e provenienti comunque dall'attività di imbarco e sbarco delle merci;
  • ritiro, trasporto all'impianto portuale di raccolta e conferimento ad apposito impianto di recupero e/o smaltimento di rifiuti liquidi oleosi prodotti dalle navi, comprese le acque di sentina e gli sludge, nonché delle acque nere (sewage);
  • raccolta di rifiuti speciali pericolosi (batterie, pile, materiale fotografico, neon, scarti di attività sanitaria, etc.) e non (carta, plastica, vetro, etc.);
  • raccolta e trasporto allo smaltimento e/o recupero del contenuto degli impianti mobili (isole ecologiche) degli oli usati, dei filtri olio e delle batterie al piombo, che dovranno essere realizzati/forniti e gestiti dalla ditta aggiudicataria del servizio;
  •  ritiro, trasporto all'impianto portuale di raccolta e conferimento ad apposito impianto di recupero e/o smaltimento dei rifiuti costituenti residui del carico, ovvero resti di qualsiasi materiale solido e/o liquido contenuti a bordo della nave nella stiva o in cisterna e che permangono al termine delle operazioni di scarico e pulizia;
  •  lavaggio, pulizia e disinfezione degli impianti mobili di raccolta in dotazione o forniti dalla ditta aggiudicataria del servizio almeno una volta al mese, con intensificazione dei lavaggi e disinfezioni durante i mesi estivi;
  • raccolta e trasporto allo smaltimento dei rifiuti prodotti dalle unità da diporto e da pesca nonché da quelle addette ai servizi portuali (rimorchiatori, piloti, ormeggiatori, etc.).
si fa riferimento alla normativa vigente ed in particolare alla:
  • legge 28 gennaio 1994 n. 84 e s.m.i.;
  • decreto legislativo n. 152/2006 e s.m.i.;
  • d.m. sanità 22 maggio 2001 e ordinanza del ministero della sanità del 21 aprile 1999 e s.m.i. sui rifiuti alimentari provenienti da paesi extra-u.e.;
  • reg. (ce) 21.12.2007 n. 1576/2007 di attuazione e modifica del reg. (ce) n. 92/2005;
  • reg. ce n. 1069/2009 e linee guida per l'applicazione del reg. ce 1069/2009;
  • ordinanze della locale autorità marittima; decreto legislativo n. 182/2003 e s.m.i..
il servizio di ritiro dei rifiuti garbage di tutte le navi e di quelli alimentari prodotti dalle navi provenienti da paesi extra ue deve essere effettuato a cura del concessionario obbligatoriamente per ogni giorno di permanenza della nave. le navi saranno tenute a conferire i rifiuti alimentari al servizio di raccolta il giorno di approdo ed il giorno della partenza nonché ogni 48 ore di sosta all'ormeggio.
i servizi di ritiro oli, slops, acque nere, etc., devono essere espletati al più presto e comunque al massimo entro 24 ore dalla richiesta.
i servizi saranno retribuiti, con oneri direttamente a carico della nave che ha fruito degli stessi, con le tariffe di cui all'art. 7 del presente capitolato speciale, aggiornate e parzialmente diversamente strutturate rispetto a quelle originariamente individuate dal prgr. a dette tariffe sarà applicata la riduzione della percentuale di ribasso offerta dal concessionario in sede di gara. le tariffe, unitamente alle modalità di espletamento del servizio, saranno rese obbligatorie a mezzo di recepimento delle stesse in apposito provvedimento (ordinanza) dell'autorità di sistema portuale.
08/10/2019 10:00

Scadenza gara: Servizi di comunicazione e marketing territoriale del progetto THEMIS - finanziato nell’ambito del programma INTERREG VA GREECE-ITALY 2014/2020

affidamento dei servizi di comunicazione e marketing territoriale del progetto themis - finanziato nell’ambito del programma interreg va greece-italy 2014/2020 all’interno del programma interreg v-a grecia-italia 2014-2020 – progetto di cooperazione territoriale chiamato themis.

il servizio ha per oggetto la realizzazione dei deliverable indicati nel progetto approvato, in particolare nel:

  • wp2 “piano di comunicazione”, “eventi”, “visual identity e disseminazione”,
  • wp3 “analisi e studi” e “diversificazione dell’offerta turistica”,
  • wp4 “progetti pilota
  • wp6 “attività esterne all’area di programma per il consolidamento dei risultati di progetto”
08/10/2019 11:00

Apertura buste: Concessione del "Servizio di raccolta e gestione dei rifiuti prodotti dalle navi nel Porto di Brindisi per un periodo di 18 (diciotto) mesi".
Il servizio ha per oggetto la raccolta (anche a mezzo unità navali) e trasporto allo smaltimento/recupero per il periodo di mesi solari 18 (diciotto), con possibilità di estensione per ulteriori mesi 6 (sei), decorrente dalla data di aggiudicazione definitiva e di consegna del servizio, dei rifiuti prodotti dalle navi e dei residui del carico provenienti da bordo delle navi in sosta nell'area portuale di brindisi, alla fonda o in banchina, nonché in favore delle navi in rada, di cui al piano di raccolta e gestione dei rifiuti (d'ora in avanti denominato prgr), approvato con deliberazione della giunta della regione puglia n. 751 in data 17 aprile 2015, ferma restando la prevalenza del presente capitolato sul predetto piano in caso di eventuali elementi di discordanza nonché in ordine alla strutturazione tariffaria dello stesso.
in linea generale, il ritiro ed il trasporto dei rifiuti agli appositi impianti di smaltimento/recupero/termodistruzione dovrà avvenire giornalmente e dovrà essere eseguito (il ritiro dalle navi) anche a mezzo natanti, debitamente abilitati, nel rispetto della vigente normativa in materia.
il servizio consiste in particolare nell'organizzazione del servizio e nelle prestazioni come di seguito specificate in via esemplificativa ma non esaustiva:
- raccolta e trasporto allo smaltimento, come rifiuti, tramite termodistruzione (incenerimento o coincenerimento), nell'ambito della regione puglia, dei rifiuti di origine alimentare provenienti da attività di cucina, ristorazione e camera prodotti dalle navi commerciali e passeggeri provenienti da paesi extra-ue. tale tipologia di rifiuti, identificata, ai sensi dell'art. 8 del reg. ce 1069/2009, lett. f), come sottoprodotti di origine animale appartenente alla categoria di rischio 1, dovrà essere conferita alla ditta concessionaria del servizio in appositi imballaggi a perdere, nuovi e chiudibili, oppure in contenitori riutilizzabili di colore nero che devono essere realizzati in maniera tale che non si verifichino, durante il loro normale uso, perdite o colaggi e devono essere riempiti in modo tale che il loro peso e volume non ne impedisca la maneggevolezza. i contenitori e gli imballaggi suddetti — che dovranno essere forniti alle navi e/o ai loro rappresentanti in loco (agenzie marittime raccomandatarie) dal concessionario del servizio - ­dovranno recare la dicitura seguente: "porto di brindisi — rifiuti di cat. 1^- reg. (ce) 1069/2009 (allegato al presente csa) — destinati solo all'eliminazione — chiudere il sacco ermeticamente e maneggiare con cura —". dopo lo scarico presso l'impianto di destinazione, gli imballaggi a perdere devono essere smaltiti a norma di legge, mentre i contenitori riutilizzabili ed i veicoli devono essere sottoposti ad operazioni di lavaggio e disinfezione.
la nave dovrà — in attesa dell'arrivo del mezzo del concessionario del servizio — custodire in appositi spazi di bordo i contenitori in questione debitamente chiusi. ai sensi dell'art. 4 della linee guida per l'applicazione del reg. ce 1069/2009 (allegate al presente csa), qualora i rifiuti in questione non siano asportati quotidianamente dal luogo in cui sono stati prodotti, devono essere immagazzinati mediante l'impiego del freddo; a tal fine, il concessionario del servizio dovrà munirsi di un apposito contenitore frigo di dimensioni idonee e comunque di capacità non inferiore a 5 mc, da collocarsi nell'area portuale che all'uopo sarà indicata dall'ente, che dovrà essere alimentato a mezzo collegamento all'impianto elettrico portuale tramite apposita linea; in ogni caso il trasporto allo smaltimento dei citati rifiuti per la termodistruzione dovrà avvenire almeno una volta a settimana. i contenitori utilizzati per i rifiuti in questione devono essere chiudibili ermeticamente, essere costruiti in materiale lavabile e disinfettabile e devono essere chiaramente identificati mediante l'apposizione di una striscia inamovibile, di colore nero, alta almeno 15 cm e di una larghezza tale da renderla evidente. il partecipante alla procedura di gara dovrà specificare – a mezzo apposita dichiarazione – presso quale l'impianto/i di termodistruzione nell'ambito della regione puglia i rifiuti in questione verranno conferiti. l'automezzo che dovrà essere impiegato per il trasporto dei rifiuti in questione dovrà essere dedicato a tale tipologia di rifiuti, nel senso che, nella regione puglia non è consentito il trasporto, sul medesimo automezzo e contemporaneamente, dei sottoprodotti di origine animale, nei quali rientrano i rifiuti in questione, o prodotti derivati di diversa categoria. il trasporto dei sottoprodotti di origine animale appartenenti a differenti categorie sullo stesso automezzo o contenitore, può avvenire in tempi diversi, se vengono rispettate le condizioni seguenti:
1) i contenitori riutilizzabili e/o gli automezzi siano identificati secondo le modalità di cui all'art. 7 delle linee guida per l'applicazione del reg. ce n. 1069/2009 (allegate al presente csa);
2) siano prodotte procedure scritte riguardo l'effettuazione di opportune operazioni di lavaggio e disinfezione, tra un carico e l'altro.
-   raccolta, anche in maniera differenziata, e trasporto allo smaltimento e/o centri di recupero dei rifiuti prodotti dalle navi, diversi da quelli di cui al punto precedente;
-   raccolta e trasporto allo smaltimento e/o recupero di rifiuti associati al carico quali paglioli, puntellamenti, rivestimenti, materiale da imballaggio, legno compensato, carta, cartone etc., non prodotti dalle navi in senso stretto e provenienti comunque dall'attività di imbarco e sbarco delle merci;
  • ritiro, trasporto all'impianto portuale di raccolta e conferimento ad apposito impianto di recupero e/o smaltimento di rifiuti liquidi oleosi prodotti dalle navi, comprese le acque di sentina e gli sludge, nonché delle acque nere (sewage);
  • raccolta di rifiuti speciali pericolosi (batterie, pile, materiale fotografico, neon, scarti di attività sanitaria, etc.) e non (carta, plastica, vetro, etc.);
  • raccolta e trasporto allo smaltimento e/o recupero del contenuto degli impianti mobili (isole ecologiche) degli oli usati, dei filtri olio e delle batterie al piombo, che dovranno essere realizzati/forniti e gestiti dalla ditta aggiudicataria del servizio;
  •  ritiro, trasporto all'impianto portuale di raccolta e conferimento ad apposito impianto di recupero e/o smaltimento dei rifiuti costituenti residui del carico, ovvero resti di qualsiasi materiale solido e/o liquido contenuti a bordo della nave nella stiva o in cisterna e che permangono al termine delle operazioni di scarico e pulizia;
  •  lavaggio, pulizia e disinfezione degli impianti mobili di raccolta in dotazione o forniti dalla ditta aggiudicataria del servizio almeno una volta al mese, con intensificazione dei lavaggi e disinfezioni durante i mesi estivi;
  • raccolta e trasporto allo smaltimento dei rifiuti prodotti dalle unità da diporto e da pesca nonché da quelle addette ai servizi portuali (rimorchiatori, piloti, ormeggiatori, etc.).
si fa riferimento alla normativa vigente ed in particolare alla:
  • legge 28 gennaio 1994 n. 84 e s.m.i.;
  • decreto legislativo n. 152/2006 e s.m.i.;
  • d.m. sanità 22 maggio 2001 e ordinanza del ministero della sanità del 21 aprile 1999 e s.m.i. sui rifiuti alimentari provenienti da paesi extra-u.e.;
  • reg. (ce) 21.12.2007 n. 1576/2007 di attuazione e modifica del reg. (ce) n. 92/2005;
  • reg. ce n. 1069/2009 e linee guida per l'applicazione del reg. ce 1069/2009;
  • ordinanze della locale autorità marittima; decreto legislativo n. 182/2003 e s.m.i..
il servizio di ritiro dei rifiuti garbage di tutte le navi e di quelli alimentari prodotti dalle navi provenienti da paesi extra ue deve essere effettuato a cura del concessionario obbligatoriamente per ogni giorno di permanenza della nave. le navi saranno tenute a conferire i rifiuti alimentari al servizio di raccolta il giorno di approdo ed il giorno della partenza nonché ogni 48 ore di sosta all'ormeggio.
i servizi di ritiro oli, slops, acque nere, etc., devono essere espletati al più presto e comunque al massimo entro 24 ore dalla richiesta.
i servizi saranno retribuiti, con oneri direttamente a carico della nave che ha fruito degli stessi, con le tariffe di cui all'art. 7 del presente capitolato speciale, aggiornate e parzialmente diversamente strutturate rispetto a quelle originariamente individuate dal prgr. a dette tariffe sarà applicata la riduzione della percentuale di ribasso offerta dal concessionario in sede di gara. le tariffe, unitamente alle modalità di espletamento del servizio, saranno rese obbligatorie a mezzo di recepimento delle stesse in apposito provvedimento (ordinanza) dell'autorità di sistema portuale.
08/10/2019 11:00

Apertura buste: Servizi di comunicazione e marketing territoriale del progetto THEMIS - finanziato nell’ambito del programma INTERREG VA GREECE-ITALY 2014/2020

affidamento dei servizi di comunicazione e marketing territoriale del progetto themis - finanziato nell’ambito del programma interreg va greece-italy 2014/2020 all’interno del programma interreg v-a grecia-italia 2014-2020 – progetto di cooperazione territoriale chiamato themis.

il servizio ha per oggetto la realizzazione dei deliverable indicati nel progetto approvato, in particolare nel:

  • wp2 “piano di comunicazione”, “eventi”, “visual identity e disseminazione”,
  • wp3 “analisi e studi” e “diversificazione dell’offerta turistica”,
  • wp4 “progetti pilota
  • wp6 “attività esterne all’area di programma per il consolidamento dei risultati di progetto”
TuttoGare


Norme tecniche di utilizzo | Policy privacy
Help desk assistenza@tuttogare.it - (+39) 02 40 031 280
Attivo dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 18:00

Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale

P.le Cristoforo Colombo, 1 Bari (BA)
Tel. Centralino: 080.5788511 - Ufficio gare: 0831.562650 - Email: ufficiogare@adspmam.it - PEC: protocollo@pec.adspmam.it