Gara - ID 125

Stato: Pubblicazione


Registrati o Accedi Per partecipare

ProceduraAperta
CriterioQualità prezzo
OggettoLavori e progettazione esecutiva
PORTO DI BRINDISI: POTENZIAMENTO DEGLI ORMEGGI NAVI RO – RO A COSTA MORENA OVEST – REALIZZAZIONE DI UN PONTILE CON BRICCOLE
CIG8848479BDB
CUPB81C18000110005
Totale appalto€ 7.922.145,37
Data pubblicazione 07/09/2021 Termine richieste chiarimenti Venerdi - 08 Ottobre 2021 - 21:00
Scadenza presentazione offerteGiovedi - 21 Ottobre 2021 - 12:00 Apertura delle offerteVenerdi - 22 Ottobre 2021 - 10:00
Categorie merceologiche
  • 452442 - Banchine
DescrizioneL'appalto integrato ha per oggetto la progettazione esecutiva e l’esecuzione di tutte le opere e provviste occorrenti per la realizzazione delle opere previste nell’ambito dei lavori di “Potenziamento degli ormeggi navi Ro-Ro a Costa Morena Ovest - Realizzazione di un pontile con briccole”, nel Porto di Brindisi, sulla base del progetto definitivo della Stazione Appaltante.
Struttura proponente Dipartimento Tecnico
Responsabile del servizio Francesco Di Leverano Responsabile del procedimento DI LEVERANO FRANCESCO
Allegati
Richiesta DGUE XML
File pdf determina-p-n.-278-del-26.07.2021 - 513.51 kB
07/09/2021
File pdf verbale-di-validazione-progetto-definitivo-briccole-signed - 2.49 MB
07/09/2021
File pdf progetto-esecutivo-link - 376.75 kB
07/09/2021
File pdf bando-di-gara-signed - 268.33 kB
07/09/2021
File pdf disciplinare-di-gara-briccole-signed - 1.50 MB
07/09/2021
File pdf istruzioni-per-la-partecipazione-alla-gara-telematica - 459.12 kB
07/09/2021
File docx modello-a-istanza-di-partecipazione-e-dichiarazioni. - 102.38 kB
07/09/2021
File zip potenziamento-ormeggi-navi-ro-ro-a-cmo-briccole-prog.-def.-approvato-det-278-2021 - 144.62 MB
07/09/2021
File pdf riepilogo-chiarimenti-n.-1-al-05.10.2021 - 569.09 kB
05/10/2021
File pdf riepilogo-chiarimenti-n.-2-al-08.10.2021 - 593.21 kB
11/10/2021

Chiarimenti

  1. 29/09/2021 18:18 - FAQ N. 1 – La scrivente richiede se ciascun operatore economico, nell’ambito della redazione della propria offerta tecnica, è libero di decidere il formato ( A4,A3,A2,A1,ecc…), con particolare riguardo alla presentazione della tavole grafiche, tavole tecniche, ecc.. , atteso il fatto che il Disciplinare di Gara alla pagina 43 non specifica tale aspetto.
    FAQ N. 2 – La scrivente richiede utili chiarimenti circa una presunta discrasia presente nel Disciplinare di Gara, con particolare riguardo ai contenuti dell’offerta tecnica. Nel dettaglio alla pag. 43 del Disciplinare di Gara, si legge testualmente:
    Ciascuna relazione potrà essere accompagnata da: massimo 4 tavole grafiche; massimo 4 tavole tecniche o schede tecniche di materiali od attrezzature e/o mezzi” Di contro alla pagina 42 del medesimo Disciplinare di Gara, in relazione al “Criterio C” , si legge: “La relazione dovrà contenere due capitoli nei quali …. Omissis : C1 Scelta dei materiali; C2 Sistemi di controllo materiali e opere; La relazione potrà essere accompagnata da eventuali schede tecniche allegate (numero massimo schede tecniche: 4 per capitolo)” Orbene, tenuto conto che i superiori capitoli (“C1” e “C2”) sono due, vengono ammessi N. (4x2) = 8 schede tecniche, mentre alla pagina 43 del Disciplinare di Gara viene specificato che ciascuna relazione dovrà essere composta da N. 4 Schede tecniche.
     


    FAQ n. 1 – Si lascia al concorrente la libertà di scelta del formato delle tavole;
    FAQ n. 2 – La relazione relativa al criterio “C. Scelta dei materiali” potrà eventualmente essere accompagnata da tavole tecniche o schede tecniche nel numero massimo di 4 per capitolo, ovvero 4 per il capitolo C1 e 4 per il capitolo C2.
     
    30/09/2021 15:49
  2. 29/09/2021 17:26 - Vi sottoponiamo 3 quesiti, per i quali chiediamo gentilmente Vs. cortese riscontro:
    1. Il disciplinare di gara all’art. 4.1 “Termini di redazione della progettazione ed esecuzione” riporta una durata della progettazione esecutiva di 30 giorni, mentre il CSA art. 17 indica il termine di 60 giorni. Quale durata si deve considerare? 
    2. Il CSA all’art. 75 – Ricognizione di ordigni bellici – riporta che “Tutti gli oneri connessi allo svolgimento delle attività di ricognizione e di bonifica degli ordigni esplosivi e residuati bellici non fanno parte del presente appalto”; tale indicazione è peraltro confermata anche nel Quadro economico elaborato n° 13 dove tra le somme a disposizione dell’amministrazione sono riportati gli oneri per la bonifica bellica. Nello stesso CSA - all’art 84 capoverso relativo all’infissione dei pali - è invece specificato che “l’impresa dovrà inoltre provvedere all’esecuzione della bonifica bellica sia superficiale che profonda….”.  Chiediamo cortesemente Vs. chiarimento in merito.
    3. L’elaborato R16 – Piano di monitoraggio ambientale – riporta al capoverso 1: “… le attività di monitoraggio sono da intendersi escluse dal presente appalto e verranno affidate con appalto separato”. Tale indicazione è peraltro confermata anche nel quadro economico elaborato 13 dove tra le somme a disposizione dell’amministrazione sono riportati gli oneri per il piano di monitoraggio ambientale. All’art. 93 del CSA, primo capoverso, si prescrive a carico dell’impresa l’attuazione di un piano di monitoraggio ambientale, al secondo capoverso è riportato che “gli oneri del monitoraggio ambientale non compresi nel presente appalto”.    Chiediamo cortesemente Vs. chiarimento in merito.

     


    1. I termini della progettazione esecutiva sono quelli indicati dal Disciplinare di gara, ovvero i 30 giorni;
    2. È un refuso del CSA. La ricognizione di ordigni bellici è esclusa dal presente appalto;
    3. È un refuso del CSA. Il monitoraggio ambientale è escluso dal presente appalto.
     
    30/09/2021 15:54
  3. 30/09/2021 17:51 - Il disciplinare di gara a pagina 32/52 nell’ambito dei criteri di valutazione dell’oferta tecnica recita: “A.1 Attinenza, consistenza e qualità sotto il profilo di servizi di progettazione di opere similari per tipologia e ambiente di intervento che il concorrente ha svolto nell'ultimo quinquennio. 5 A.2 Attinenza, consistenza e qualità sotto il profilo tecnologico e costruttivo di opere similari per tipologia di lavori e ambiente di intervento che il concorrente ha svolto nell'ultimo quinquennio” In merito a quanto richiesto nel disciplinare di gara, si richiede se saranno considerati nella valutazione i lavori completati nell’intero anno 2016.

    I servizi/lavori analoghi svolti dal concorrente sono da intendersi quelli “svolti”, purché interamente ultimati ovvero la parte di essi ultimata ed approvata, nel quinquennio previsto al punto 15.1 del disciplinare di gara, dove il dies a quo, ovvero il termine a partire dal quale si computa il quinquennio richiesto, è quello di pubblicazione del bando di gara, quindi il 06.09.2021, ed il dies ad quem, ovvero il termine di scadenza del quinquennio, a ritroso, è da intendersi il 06.09.2016. Pertanto non l’intero anno del 2016.
     
    05/10/2021 10:43
  4. 30/09/2021 18:59 - 1. Con riferimento al criterio “professionalità ed adeguatezza dell’offerta” di cui alla tabella degli elementi e sub elementi di valutazione dell’offerta tecnica ( rif. punto 15.1  del disciplinare di gara)  si chiede conferma che per opere similari per tipologia di lavori e ambiente di intervento si intendono tutte le opere eseguite nel quinquennio antecedente la data di presentazione dell’offerta ricadenti nella declaratoria delle Opere marittime di cui alla categoria SOA OG7.

    2. Si chiede altresì se, a comprova della veridicità dei lavori svolti, è possibile presentare oltre alle foto esplicative e ai grafici di lavori similari, anche le certificazioni rilasciate dalle stazioni appaltanti e/o autocertificazioni rilasciate dal Concorrente, da cui si desumono tutti i dati relativi ai lavori svolti nonché la regolare esecuzione.

    3. Inoltre si chiede se tali certificazioni allegate  saranno escluse dal conteggio delle pagine
     


    1. Non si conferma quanto asserito nel quesito. La descrizione formulata nel disciplinare di gara dell’elemento “A”, ovvero “opere similari per tipologia di lavori e ambiente di esecuzione rispetto all’intervento oggetto di affidamento” è chiara: la similitudine è da riferirsi all’intervento oggetto di affidamento e non alle generiche opere ricadenti nella categoria OG7.

    2. Si  conferma la possibilità della produzione delle summenzionate certificazioni a comprova del requisito in parola;

    3. I CEL o le autocertificazioni prodotte dal concorrente a comprova della professionalità saranno escluse dal novero delle pagine indicate dal punto 17 del disciplinare di gara;


     
    05/10/2021 10:48
  5. 08/10/2021 10:39 - Si formulano i seguenti quesiti di natura amministrativa e tecnica: 
    • Si chiede conferma che il DGUE debba essere compilato e presentato anche dal progettista INDICATO, in quanto soggetto qualificato per lo svolgimento della progettazione esecutiva.
    • Si chiede se l’offerta tecnica debba essere firmata digitalmente anche dal progettista indicato
    • Si chiede conferma che l’importo minimo richiesto per l’avvenuto espletamento di servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria effettuati lungo tutto l’arco della propria vita professionale nella classe e categoria D.01 (Requisiti di capacità tecnica e professionale richiesti ai progettisti interni o esterni indicati e/o associati dall’O.E, pag. 18 del disciplinare) sia pari a € 15.700.711,96, ossia pari al doppio dell’importo stimato dei lavori (valore economico presunto € 7.850.355,98)
    • Si chiede se possono essere presentate offerte che prevedono varianti migliorative, intendendo per variante migliorativa una proposta di modifica delle strutture mantenendo la stessa destinazione d'uso e funzione rispetto al progetto posto a base di gara ma con incremento delle prestazioni.    


    • Si rimanda al punto 16 del Disciplinare di gara che prevede il contenuto della BUSTA “A”, e nello specifico al punto 16.2 titolato: “Documento di gara unico europeo (DGUE) a cura degli operatori economici qualificati per la esecuzione dei lavori e dei soggetti qualificati per lo svolgimento della progettazione esecutiva” nella parte in cui, espressamente recita: “Il concorrente ed il soggetto deputato alla progettazione compilano il DGUE”;
    • Si rimanda al punto 17 del disciplinare di gara nella parte in cui, espressamente recita:  “L’offerta tecnica deve essere sottoscritta digitalmente dal legale rappresentante del concorrente o da un suo procuratore.” Di contro per la offerta economica il punto 18 del disciplinare recita che “L’offerta economica, a pena di esclusione, è sottoscritta digitalmente anche dal progettista esterno, associato e/o indicato, con le modalità indicate per la sottoscrizione della domanda di cui ai paragrafi 16.1 e 13.”
    • Si conferma il valore indicato ed espressamente previsto dal disciplinare di gara al punto 7.2  lett. B1) e specificato nella relativa tabella, cui si rimanda;
    •  Le “migliorie” ammesse devono essere necessariamente ricomprese tra quelle previste dai criteri di valutazione dell’offerta tecnica di cui al punto 15.1 del disciplinare di gara, cui si rimanda;
    11/10/2021 09:39
  6. 08/10/2021 12:21 -
    Si chiede di chiarire se la “Campagna integrativa di indagini geognostiche” sia una attività inclusa nel presente appalto, dato che il “Quadro economico”, elaborato n° 13 ed il "Computo Metrico Estimativo", elaborato n°9, non prevedono compensi per essa, mentre l’art. 84 del "Capitolato Speciale d'Appalto", elaborato n°6, al capoverso relativo all’infissione dei pali, la prescrive.

     


    A termini dell’art. 84 del C.S.A. l’espletamento della campagna integrativa in parola è demandata all’appaltare a propria cura e spese;
    11/10/2021 09:40

Registrati o Accedi Per partecipare

TuttoGare


Norme tecniche di utilizzo | Policy privacy
Help desk assistenza@tuttogare.it - (+39) 02 40 031 280

Attivo dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 18:00

Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale

P.le Cristoforo Colombo, 1 Bari (BA)
Tel. Centralino: 080.5788511 - Ufficio gare: 0831.562650 - Email: protocollo@adspmam.it - PEC: protocollo@pec.adspmam.it